Adulti e giovani

  • Atelier per giovani e adulti
  • Space Factor III - Fatti da Dio
  • #voltorabbiastrada

La nostra attività non si rivolge solo al mondo della scuola, ma a tutte le tipologie dei possibili fruitori dell’arte che vedono nella GAMeC un importante vettore di formazione culturale. Siamo convinti che non si smetta mai di imparare e che la long life learning education sia una delle funzioni più importanti che il museo deve esercitare all’interno della società.


Adulti e giovani, curiosi e appassionati, artisti e studenti universitari sono diventati in questi anni compagni di viaggio della GAMeC e noi cerchiamo di rispondere alle loro esigenze attraverso iniziative diversificate, spesso nate da un confronto attivo, pronto a recepire suggerimenti, proposte e consigli.
Ai singoli proponiamo corsi di avvicinamento e approfondimento legati a specifici settori delle arti, con particolare attenzione al periodo dal Novecento alla contemporaneità. Pittura, scultura, fotografia, design e architettura sono i temi messi a fuoco.
Ricordiamo, negli ultimi anni, Alta Tensione-Anno Antiaccademico nell’Arte, che ha fatto della GAMeC una libera università di storia e critica d’arte, coinvolgendo grandi nomi dello scenario culturale, e i corsi Ricomincio da Zero, percorso dedicato alle Avanguardie artistiche, Art Anatomy, sul corpo nell’arte, Profiler, sulla pittura nella seconda metà del XX secolo e Space Factor sulle tendenze architettoniche contemporanee.


Inizieremo quest’anno ad aprire le sale del museo ai cavalletti, organizzando atelier a numero chiuso per avvicinarsi al disegno e alla pittura attraverso il confronto con i “grandi maestri”.
Particolare attenzione va alle biblioteche, fondamentali centri di diffusione e promozione della cultura. Le nostre proposte a questa tipologia di pubblico sono suddivise per fasce d’età, strutturate in percorsi di tipo ludico-creativo, d’interazione tra educatori museali e ragazzi, d’approfondimento e confronto con gli adulti.
Molte proposte possono essere mutuate da quelle già pensate per le scuole, ma siamo disponibili anche per conferenze che presentino esposizioni temporanee presso la GAMeC o che trattino temi su richiesta, legati al territorio e alla storia dell’arte.
I percorsi su richiesta possono riguardare attività e laboratori per adulti e bambini, visite in museo o introduzioni a mostre d’arte, da La Biennale di Venezia alle grandi esposizioni dedicate all’arte e all’architettura.

 

SPACE FACTOR III - FATTI DA DIO

Corso di Architettura 

CONFINDUSTRIA BERGAMO | Via Camozzi, 64
a partire dall’8 gennaio 2015 tutti i giovedì sera, ore 20:30

Dopo il grande successo delle scorse edizioni, torna SPACE FACTOR, il ciclo di interventi ideato dai Servizi Educativi della GAMeC che esplora l’architettura contemporanea tra il XX secolo e il III millennio da un’angolazione inedita e affascinante.
Paolo Portoghesi, protagonista cruciale del contesto architettonico contemporaneo, inaugurerà il corso con una Lectio magistralis aperta al pubblico.
Nel delicato terreno del rapporto tra l’Uomo e Dio si apre, a partire dal XX secolo, un lavoro di progettazione e ricerca complesso che vede coinvolti – in una dialettica non sempre risolta – gli architetti, i committenti, le esigenze liturgiche, la ricerca estetica, i luoghi e la collettività.

Quest’anno nove architetti e due direttori di musei affrontano in modo inedito lo “Space Factor”, mettendo a confronto due spazi di culto; lo sguardo si concentrerà su luoghi chiamati a rendere visibile l’idea di trascendenza, con i vincoli legati ai riti e con la necessità di trovare riscontro nell’accoglienza della proposta da parte dei fedeli, a qualsiasi confessione religiosa essi appartengano.
Il corso è riconosciuto come corso d’aggiornamento dall’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Bergamo.

Per maggiori informazioni CLICCA QUI

 

#VOLTORABBIASTRADA

Volto, rabbia, strada è il nome di un progetto di collaborazione che vede coinvolte tre parrocchie - guidate da un’équipe di 4 sacerdoti: don Alessandro, don Andrea, don Emanuele e don GianLuca - che hanno deciso di declinare attraverso l’arte contemporanea i temi di fondo del loro documento pastorale Comunione e Riconciliazione.

La sfida è quella di coinvolgere 50 persone (bambini, ragazzi, adulti e anziani) in un percorso di analisi e metamorfosi visiva di tre parole chiave condivise al momento della progettazione: volto, rabbia, strada.

Come Servizi Educativi della GAMeC faremo da capocordata attraverso una nostra formatrice ed educatrice, Rita Ceresoli, un artista che abbiamo voluto coinvolgere, Paolo Baraldi, esperto in arte pubblica ed educatore, e una studentessa del Master in Servizi Educativi per il Patrimonio artistico, Museo storici e Arti visive dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, incaricata di documentare il progetto in tutti i suoi step.

Attraverso 8 incontri, che si snoderanno da dicembre a marzo, la comunità che vorrà mettersi in gioco concorrerà a creare 3  opere d’arte,  che daranno origine al cambiamento visivo dei luoghi coinvolti, vissuto come segno tangibile di un importante percorso di riflessione interiore e di relazione con gli altri.

Interverrà in questa fase Don Giuliano Zanchi, segretario generale della Fondazione Adriano Bernareggi, che darà una lettura dell’intera operazione sotto il profilo teologico.

Le tre opere saranno collocate nella chiesa di San Gerolamo, a Mapello, alle spalle dell’altare, nella chiesa di Ambivere, dietro il Crocifisso, e nella chiesa di Valtrighe, nella nicchia alle spalle dell’organista.

#VOLTORABBIASTRADA - PRIMO INCONTRO

#VOLTORABBIASTRADA - SECONDO INCONTRO

#VOLTORABBIASTRADA - TERZO INCONTRO

#VOLTORABBIASTRADA - QUARTO INCONTRO

#VOLTORABBIASTRADA - QUINTO INCONTRO

#VOLTORABBIASTRADA - SESTO INCONTRO

#VOLTORABBIASTRADA - SETTIMO INCONTRO

#VOLTORABBIASTRADA - ULTIMO INCONTRO