Proposte e attività didattiche

Venire alla GAMeC è per i ragazzi delle Scuole Secondarie di II grado un’opportunità per accostarsi alla proposta culturale di un’importante istituzione, usufruendo delle occasioni di visita e dei percorsi didattici strutturati per stimolare una riflessione interdisciplinare, nella profonda convinzione che il contatto con l’arte debba essere il più possibile piacevole, stimolante, in grado di mettere in gioco tutto il potenziale espressivo, creativo e culturale degli studenti.

Sono queste occasioni per scoprire i dipinti della Collezione Permanente, per vedere da vicino quali tecniche rendano così “speciale” l’arte contemporanea, dal dripping all’utilizzo di materiali

non artistici (Burri), dal colore vissuto nella sua pienezza materica (Parmeggiani) alle campiture piatte (Balla, Adami e Kandinskij), dagli sgocciolamenti di Matta ai “buchi” di Fontana. Anche temi e soggetti cambiano: ritratti, gruppi familiari, paesaggi e nature morte si affiancano alle forme geometriche degli astrattisti (Kandinskij, Soldati, Bonfanti, Veronesi), alle suggestioni del mondo del sogno e dell’inconscio (Savinio), agli enigmi inquietanti della Metafisica di de Chirico. Accanto ai dipinti, le sculture di Manzù aprono a una riflessione poetica e culturale sul senso dell’uomo nella storia.
I Servizi Educativi della GAMeC hanno progettato per gli studenti delle Scuole Secondarie di II grado una serie di percorsi per favorire un incontro emozionante con l’arte e gli artisti, in vista di
una fruizione autonoma non solo del patrimonio e delle mostre temporanee che il museo propone, ma di tutte le occasioni espositive.