Övül Durmusoglu è il vincitore della IV Edizione del Premio Bonaldi

5 Giugno 2007 (All day)

La premiazione della IV edizione del Premio Lorenzo Bonaldi per l'Arte – EnterPrize è avvenuta a chiusura di Qui Enter Atlas. Simposio internazionale di giovani curatori durante il quale la GAMeC di Bergamo è diventata il punto di incontro di un'intera generazione di curatori internazionali. Per 3 giorni 15 giovani curatori under 35 sono stati invitati da altrettante istituzioni internazionali a partecipare il simposio ed a discutere intorno al tema "l'Arte nel paesaggio dei Media" con un visiting professor d'eccezione: l'artista di fama internazionale Dara Birnbaum.

Il Premio è stato assegnato al progetto di mostra DATA RECOVERY  proposto da ÖVÜL DURMUSOGLU

Il 5 giugno 2007 alle ore 18.30  la giuria composta da:
Dan Cameron, Direttore PROSPECT.1, New Orleans
Ralph Rugoff,  Direttore Hayward Gallery, Londra
Giacinto Di Pietrantonio,  Direttore GAMeC, Bergamo

ha premiato il progetto di Övül Durmusoglu con la seguente motivazione:
per la forza concettuale del progetto, la buona selezione degli artisti, il giusto equilibrio tra i vari media, l'attenta e precisa concezione dell'allestimento in relazione allo spazio   

I giovani curatori, selezionati da advisor internazionali, in gara per l'assegnazione della quarta edizione erano:
Binna Choi (Amsterdam - Seul)  segnalata da Anton Vidokle, E-flux, New York –  unitednationsplaza, Berlino
Övül Durmusoglu (Vienna - Instanbul) segnalata da Sabine Breitwieser, Direttrice Generali Foundation, Vienna
Tom Morton (Londra) segnalato da James Lingwood, Direttore Artangel, Londra
Manuela Moscoso (Madrid) segnalata da Rafael Doctor Roncero, Direttore del Museo de Arte Contemporáneo de Castilla y León, León
Ana Vejzovic Sharp (Los Angeles) segnalata da Tom Eccles, Direttore Esecutivo del Center for Curatorial Studies at Bard College, New York

Il progetto verrà realizzato alla GAMeC nel 2008.

IL PROGETTO VINCITORE: DATA RECOVERY  
br /> Artisti: Julie Ault and Martin Beck, Michael Blum, Banu Cennetoglu, Goldin+Senneby, Klub Zwei, Susanne Kriemannn
La proposta di mostra di Övül Durmusoglu si ispira al libro Uqbar, Tlön, Orbius tertius dello scrittore argentino Jorge Luis Borges, in cui realtà e finzione si intrecciano e si fondono di continuo, in una incessante interrogazione sulla relazione tra informazioni e coscienza della realtà.  
Secondo la curatrice questo testo offre la chiave di interpretazione di alcune pratiche artistiche contemporanee legate, appunto, al mondo dell'informazione e a come questo agisca sulla percezione del mondo.
La mostra Data Recovery è incentrata sulla pratica della "cover", un termine che la curatrice usa per indicare l'ulteriore elaborazione di informazioni già registrate e, quindi, già oggetto di una precedente performance. Perchè questo accada, è necessario che le informazioni siano riportate alla loro origine attraverso un'operazione di recupero dati (di qui il titolo della mostra Data Recovery, recupero dati appunto), un'azione in grado di liberare le informazioni dal consenso tipico che le accompagna, ri-negoziando la logica dei media e la produzione di ideologie contemporanee. 
I lavori degli artisti coinvolti nel progetto, pur nella loro diversità tematica e stilistica, saranno esposti all'interno di un allestimento che sottolinea la continuità di questo flusso di informazioni e performatività.
Altro filo conduttore di tutte le opere è l'atteggiamento di sfida nei confronti della distribuzione del reale e della finzione, attraverso operazioni di decostruzione delle relazioni tra segni e immagini e una successiva articolazione dei nessi tra immagini, epoche e spazi.


ÖVÜL DURMUSOGLU. CENNI BIOGRAFICI
E curatore indipendente, vive e lavora tra Vienna e Istanbul. Ha conseguito l'MFA in  Visual Art presso la Faculty of Arts and Sciences alla Sabanci University di Istanbul e il Post Graduate prog. in Critical Studies alla Malmö Art Accademy, Lund University di Malmö. È stata assistente curatore per Aernout Mik durante l' VIII International Istanbul Biennial in Turchia (2003); curatore di Public vs. Private alla Sabanci University Fass Gallery di Istanbul (2005); fondatrice e coordinatrice del progetto EXOCITI (2006); co–curatore di Kargart 1. Video Exhibitions a Istanbul (2006); consulente e coordinatrice per RadikalArt: Ardindan Degil Karsisina (Face to Face) a Istanbul, Turchia (2006 – 2007). Recentemente ha collaborato ad alcuni progetti con Generali Foundation di Vienna e ha in progetto per il 2008 EGOCITI a Vienna.Inoltre ha scritto saggi per riviste quali Genis Aci, Cogito e Kaos GL e collabora con la rivista Altyazi Monthly Cinema Magazine.