Scopri gli appuntamenti di Radio GAMeC 30, la nuova stagione della radio del museo dedicata agli ultimi 30 anni di storia.

A partire dallo sguardo di personalità del mondo dell’arte e della cultura che hanno vissuto direttamente esperienze degli ultimi tre decenni, con l’intento di raccontare snodi di una realtà complessa e in trasformazione, Radio GAMeC 30 propone un percorso a tappe, guidato dal direttore Lorenzo Giusti e dalla curatrice indipendente Ilaria Gianni.

(Podcast in lingua inglese)

Puntata 5
2013 – Black Lives Matter
Ospite: Kandis Williams
Condotta da Ilaria Gianni
> Ascolta

Kandis Williams (Baltimora, 1985) è un’artista visiva la cui pratica spazia tra collage, scultura, film, performance, scrittura, editoria e curatela. Williams esplora e decostruisce la teoria critica su razza, nazionalismo, autorità ed erotismo. Il suo lavoro esamina il corpo come luogo di esperienza, mentre attinge al suo background in drammaturgia per immaginare spazi che accolgano le economie biopolitiche, che suggeriscono come la forma e il movimento possano essere letti. Williams stabilisce indici che collegano parti dell’anatomia, regioni della Diaspora nera, così come la comunicazione e l’offuscamento, sottolineando come la cultura popolare e il mito siano interconnessi. L’artista è anche fondatrice ed Editor-at-large di Cassandra Press, una piattaforma editoriale ed educativa che mira a diffondere idee, distribuire un nuovo linguaggio, propagare un’etica centrata sul dialogo, l’estetica, l’attivismo femminile e offre borse di studio per afrodiscendenti.

ARCHIVIO PUNTATE

Puntata 4
1993 – Il muro di confine tra Messico e Stati Uniti
Ospite: Héctor Zamora
Condotta da Lorenzo Giusti
> Ascolta

Le opere dell’artista Héctor Zamora (Città del Messico, 1974) trascendono lo spazio espositivo convenzionale per reinventare lo spazio stesso, partendo da una serie di inversioni e contrasti, come quelli tra pubblico e privato, esterno e interno, organico e inorganico, o anche reale e immaginario.
Nel 2020 a Zamora viene commissionata una scultura da collocare temporaneamente sul tetto del Metropolitan Museum of Art di New York. L’opera,
Lattice Detour, è un muro di mattoni ondulato, lungo trenta metri, che molti hanno interpretato come un riferimento al muro di confine tra Messico e Stati Uniti. Per questa e per altre ragioni abbiamo deciso coinvolgere Héctor Zamora per parlare di vecchie e nuove barriere, dello spazio pubblico e del futuro.

Puntata 3
1996 – La clonazione della pecora Dolly
Ospite: Eduardo Kac
Condotta da Ilaria Gianni
> Ascolta

L’artista e teorico brasiliano Eduardo Kac (Rio de Janeiro, 1962) è il fondatore della “Transgenic Art”, una nuova forma d’arte basata sull’uso di tecniche di mutazione genetica per creare esseri viventi unici.
Gli interventi sul genoma permettono a Kac di riflettere su quelle forze che sono in grado di modificare silenziosamente l’ambiente e il corpo che abitiamo, come l’ingegneria genetica o la biotecnologia. Il suo lavoro analizza i sistemi di comunicazione e le potenziali interazioni tra il naturale e l’artificiale, riproducendo un mondo simile al nostro, all’interno del quale coesistono organismi autentici e geneticamente modificati. L’artista propone un nuovo approccio alla biodiversità e alla natura, in cui l’uomo, come Dio, è responsabile della creazione.

Puntata 2
1999 – L’avvento del Movimento No-Global
Ospite: Thomas Hirschhorn
Condotta da Lorenzo Giusti
> Ascolta

Thomas Hirschhorn (Berna, 1957) è uno dei principali artisti della sua generazione. Conosciuto per le sue costruzioni scultoree composte da manufatti usa e getta prodotti in serie, Hirschhorn combina riferimenti e immagini raccolte dai media popolari con il lavoro di teorici radicali come Gilles Deleuze, Georges Bataille e Antonio Gramsci. Le sue opere mirano a stimolare lo spettatore a prendere coscienza del proprio bagaglio visivo e a sentire la necessità di un pensiero critico elaborato sulla realtà geopolitica e sulle condizioni sociali contemporanee.

Puntata 1
1991 – La nascita del World Wide Web
Ospite: Olia Lialina
Condotta da Lorenzo Giusti
> Ascolta

Il lavoro dell’artista russa Olia Lialina (Mosca, 1971) è incentrato sul web e sulle sue implicazioni. Pioniera della net art, artista e critica di cinema e new media, Olia Lialina è nota per i suoi lavori sperimentali realizzati nella seconda metà degli anni ’90, oltre che per aver utilizzato la sua immagine come modella in esperimenti con GIF animate. È fondatrice di una delle prime web gallery, Art Teleportacia.